Isaia Mori Isaia Mori
Menu

Album

Congo

Copertina Congo
Data di uscita: 1 January 2007
Disponibile ora:

Recensione album

Sono ska, ma non solo. Sono demenziali, nel senso più rock del termine. Sono in pista da parecchio tempo e hanno un punto di forza non comune: continuano sempre e comunque a divertirsi. Il gusto dello sberleffo anima i ritmi indiavolati degli 00Talpa, che con la loro ultima fatica mettono le cose in chiaro fin dal pezzo di apertura. «Congo», la title-track, nasce da un riff irresistibile e si fa ballare dall’inizio alla fine. Ma il bello degli 00Talpa è l’apertura mentale che trova sfogo in un miscuglio di influenze. Senza paura di ridersi addosso, senza falsi snobismi.
«Congo» propone l’hard rock dei Deep Purple e la comicità di Cochi e Renato («Il tuo funerale»), una «Spirit in the sky» in salsa country-blues («Anzianità»), ma anche le sigle degli anni ’70 rivedute e corrette («Supergulp» diventata «Superbriù») e suggestioni swing ‘n roll («Piccola», «Evasione»). Deliziosa la versione reggaeggiante, sghemba e alcolica di (Mi sono innamorato di) «Marina», orecchiabile quanto «Vola con noi». Profuma di Giamaica pure «Bottiglia e cenere», canzone scritta da Andrea Amati che richiama alla mente gli Africa Unite.
I temi che hanno reso celebri i film di Lino Banfi e Alvaro Vitali sono riletti con entusiasmo e ironia nella colonna sonora del film «Quel diavoletto di Angelino», da cui sono tratti il brano omonimo e «Samba patè», gli episodi che chiudono l’album insieme alla prevedibile, gustosa ghost-track.
Gli 00Talpa sono il frutto della fantasia spudorata e del sudore copioso di Isaia Mori (voce solita e chitarra classica), dei fratelli Poddighe (Andrea batteria e voce, Carlo chitarre, tastiere, percussioni, basso e voce) e de «L’Omino» Davide Priore (showman cantante). Non mancano le guest-star: Giovanni «Frankie Hollywood» Scalvini, Daniele Valli e Mirko «Doc Roll» Dettori.
- Gianpaolo Laffranchi - Bresciaoggi - Mercoledì 7 Novembre 2007